• +39 3662554736

  • VIA PO 42 FRAZ VACCARIZZA - LINAROLO (PV)

#madeinwomanmadeinitaly
valorizza le Imprese Femminili, e offre strumenti culturali
sociali, ambientali per crearne di nuove.
Per una nuova economia al femminile.


avatar

EMPOWERMENT DELLE DONNE
CONIUGARE ED AGIRE LA SOSTENIBILITÀ CON LA PARITA’ DI GENERE IN OCCASIONE DEL G20.
Call for action
Le imprese femminili motore del rilancio dell’economia.
Il Women in Business Act
Le Città delle donne
https://madeinwomanmadeinitaly.it/

#statigeneralidonne
#alleanzadelledonne

in partnership con
Confindustria, tbc
Future Food Institute, tbc
W20, tbc
Unioncamere, tbc
Crea, tbc
Studio Aschei
Cna tbc
Alleanza Coop tbc
Regioni
Città
Comuni
Università
Media partner Rai Radio 1

Università di Genova, Campus Universitario di Savona, mercoledì 25 agosto,dalle 10 alle 13 ospiterà un side event alla ministeriale sulle PO del 26 agosto l’”International Ministerial Conference on Women’s”, cui saranno presenti 35 Paesi sempre a Santa Margherita Ligure in complementarietà degli eventi che fanno corona al vertice #G20 di ottobre a Roma, di cui l’Italia è Presidente https://www.g20.org/it, programmato il 30 e 31 ottobre 2021.
La Ministra per le pari opportunità e la famiglia, Elena Bonetti, ha invitato per il 26 agosto i Ministri e le Ministre dei Paesi G20 e dei Paesi ospiti alla Conferenza ministeriale dedicata al tema dell’empowerment femminile, su quattro specifiche aree di approfondimento:
1) STEM, competenze finanziarie e digitali;
2) lavoro e empowerment economico;
3) armonizzazione dei tempi di vita;
4) ambiente e sostenibilità
È la prima volta che in ambito G20 viene pianificato un evento simile e di tale portata sull’empowerment delle donne, dedicando attenzione alla qualità del lavoro femminile e all’attuazione di politiche volte a valorizzare il talento e la leadership femminili nonché la tutela dei loro diritti, anche in ottica di contrasto alla violenza.

Anche gli Stati Generali delle Donne e l’Alleanza delle Donne in continuità con il lavoro in atto e gli impegni assunti in ogni ambito regionale
intendono continuare il lavoro intrapreso sui territori regionali e in ambito internazionale per portare i contributi di specialiste importante sul tema dell’empowerment femminile, in particolare sul lavoro imprenditoriale delle donne.
Le donne sono state, e continuano ad essere, tra le più colpite dalle conseguenze socio-economiche della pandemia da Covid-19, che ha aggravato le sempre più evidenti disuguaglianze che hanno determinato e continuano ad imporre loro sfide, sia nella vita privata che in quella professionale.

Dopo i lavori svolti dall’Engagement Group ufficiale (W20), presieduto da Linda Laura Sabbadini i lavori continueranno sui temi emersi dal Communique.

Gli Stati generali delle Donne e l’Alleanza delle Donne intendono portare il focus su una Economia al Femminile per supportare i “7 Principi di Empowerment delle donne” (creati da UN Women e dal Global Compact delle Nazioni Unite).
I temi:
1) Promuovere la parità di genere a livello decisionale e di top management
2) Promuovere l’equità tra uomini e donne nell’ambiente lavorativo – rispettare e sostenere i diritti civili e la non discriminazione
3) Garantire il diritto alla salute, alla sicurezza e al benessere per tutte le donne lavoratrici e gli uomini lavoratori
4) Promuovere la formazione e lo sviluppo professionale per le donne
5) Implementare logiche di sviluppo imprenditoriale e pratiche di acquisto e di marketing per lo sviluppo e l’empowerment femminile
6) Promuovere la parità di genere attraverso iniziative comunitarie, patrocini e partnership
7) Monitorare e comunicare i progressi nel raggiungimento della parità di genere

La nostra visione nasce dal senso di responsabilità delle imprenditrici a impiegare la potenza del business, motore trainante dell’economia, al servizio della collettività al fine di migliorare la vita delle persone e della collettività.
Fare impresa vuol dire avere un’idea e trasformarla in valore per gli altri/le altre. Le imprenditrici lavorano col cuore e con la passione.
Siamo in un momento storico molto particolare. Le aziende devono ripensare i loro modelli di business per la ripartenza in maniera più equa e responsabile.
La sostenibilità è la chiave per una trasformazione strutturale, sana e rigenerativa dell’economia e del mondo.
Le Città, agili, resilienti, rigenerate con lo sguardo delle donne sono il luogo dove tutto questo si può realizzare.
“Peggio di questa crisi, c’è solo il dramma di sprecarla” è una frase di Papa Francesco, che con l’enciclica Laudato Sii, i suoi comandamenti “verdi” e la sua teoria dell’ecologia integrale per una rivoluzione trasformativa e rigenerativa.
Il modello femminile di fare impresa è un nuovo paradigma d’impresa responsabile, etica e sostenibile che valorizza tutta la tradizione italiana di CSR, di economia civile e dei rispettivi “padri nobili”, tra gli altri Stefano Zamagni, Adriano Olivetti, per trasformare le aziende in soggetti che producono valore per la società, per dar vita a una nuova politica industriale.
La leadership femminile, coi suoi valori e le sue capacità di comunicazione, collaborazione, resilienza, innovazione, apertura, empatia e cura, è una leva vincente per il cambiamento, la trasparenza, l’equità e la meritocrazia.
La nostra mission è quella di ispirare positività e cambiamento, contaminare il mondo di energia virtuosa, e costruire entusiasmo e speranza per co-progettare e anticipare il futuro, in questo momento storico terribile ma meraviglioso, alba di una nuova era di rinnovamento sostenibile.
L’Italia è un luogo di innovazione sociale e una scuola di rifondazione di un’economia più sostenibile.
In particolare metteremo al centro alcuni settori e le criticità da risolvere nel breve. Metteremo al centro le imprese delle donne nel digitale, nel turismo, in agricoltura e intorno al cibo poiché le donne hanno sempre fornito un contributo essenziale per l’economia rurale e la sopravvivenza della famiglia rurale.
Punteremo da subito alla prossima tappa del nostro roadshow internazionale, Expo Dubai 2021, mettendo al centro la sostenibilità e la internazionalizzazione delle imprese femminili.

#madeinwomanmadeinitaly
#labellezzauniscelepersone